Un mutamento nella composizione del collegio giudicante dopo l’audizione della vittima del reato deve, in linea di principio, comportare una nuova audizione di quest’ultima, qualora una delle parti nel procedimento rifiuti che detto collegio si basi sul verbale della prima audizione Sentenza CGUE, Prima sezione, 29 luglio 2019, Causa C-38/18

Condividi su facebook Tweet Condividi via email
Devi effettuare la login per visualizzare il contenuto